STORIA
STORIA UN TUFFO NEL PASSATOimg_storia
IL 1954, QUANDO TUTTO EBBE INIZIO

Era il lontano 1954, l’Italia si era ripresa dalla guerra e iniziavano gli anni del boom economico. Mentre veniva trasmessa la prima diretta calcistica televisiva, gli alpinisti Compagnoni e Lacedelli conquistarono per primi la vetta del K2 e tanti altri piccoli grandi miracoli si compirono. Tra questi, in una piccola bottega del centro storico di Bologna un’idea prendeva rapidamente forma. Da semplice venditore di profilati e fogli plastici per termoformatura l’allora quarantenne Arrigo Zucchelli intuì che la plastica avrebbe cambiato il mondo. Con la plastica termoformata cominciò così a produrre oggetti di tutti i tipi. Da piccoli bottoni fino a grandi parabrezza per corriere; il frutto delle sue lavorazioni divenne presto ambito nei settori più disparati.

ANNI 60, CHIUDE LA BOTTEGA, DEBUTTA L’IMPRESA

Un giorno, quasi per caso, vide un rudimentale casco utilizzato per asciugare i capelli e da lì cambiò tutto. Decise di produrne una sua linea in plastica. In breve tempo la domanda di caschi e campane Zucchelli crebbe enormemente obbligando Arrigo ad organizzare industrialmente l’attività. Presto si rese necessario abbandonare la piccola bottega del centro storico. Tutta la produzione fu trasferita nella prima periferia Bolognese, dove prese forma la prima vera officina Zucchelli.

ANNI 70, DAI CASCHI AI CARRELLI

A metà degli anni ’70 Arrigo scoprì i vantaggi dello stampaggio ad iniezione. Cogliendo l’opportunità di aumentare enormemente la produttività abbattendo i costi Arrigo sposò la nuova tecnologia acquistando svariate presse. Immediatamente capì che oltre ai caschi poteva produrre altri oggetti per saloni di acconciature. Quindi realizzò, tra i primi al mondo, la produzione di carrelli professionali in plastica per parrucchieri. Il successo giunse immediato, portando Arrigo a doversi nuovamente trasferire in un immobile più grande, pensato e costruito su misura per il nuovo piano industriale Zucchelli.

ANNI 80-90, UN VENTENNIO DI NOVITÁ GRAZIE ALL’INIEZIONE

L’alta produttività raggiunta permise di assorbire una domanda sempre crescente di prodotti. La naturale conseguenza fu che gli orizzonti si allargarono e si iniziò a collaborare con clienti esteri. Il grande fermento del mercato portò alla realizzazione di tantissimi nuovi prodotti. L’inarrestabile genio creativo di Arrigo ideò il design lineare ed essenziale, che è alla base di tutto lo stile Zucchelli ancora oggi. E’ infatti incredibile quanto i prodotti di allora siano ancora attuali. Il look giusto e l’ineguagliabile rapporto qualità prezzo dei prodotti consolidarono ulteriormente la nostra posizione di mercato.

IL 1995, SULLE ORME DI ARRIGO GUARDANDO AL FUTURO

Per l’impresa Zucchelli, divenuta ormai leader nel settore, il 1995 è un anno triste perché vede la scomparsa del padre fondatore Arrigo. Al timone dell’azienda salirà quindi il figlio Stefano coadiuvato dal consolidato team di manager. Forti dei valori e della passione tramandati dal fondatore sapranno guidare con successo l’azienda fino al 2006, anno in cui Stefano deciderà di ritirarsi a vita privata favorendo Fabio Contri, manager formatosi in Zucchelli fin da giovanissimo.

DAL 2006, IL PROGRESSO NEL RISPETTO DELLA TRADIZIONE

L’impresa oggi conta un vasto numero di stampi ed attrezzature ed un bagaglio di esperienze sconfinato. Forti di questa eredità e degli insegnamenti del maestro Arrigo, puntiamo su idee fresche e innovative per completare un processo di rinnovamento che è già in atto. Con uno staff giovane e dinamico, affrontiamo le nuove sfide imposte dal mercato contemporaneo con ottimismo. Migliorandoci giorno dopo giorno ci impegniamo, oggi come 60 anni fa, a soddisfare pienamente le vostre necessità.